I Social A Portata Di Click

Retargeting su Facebook, Instagram e Google: Guida Completa 2020

In questo articolo ti presentiamo una guida passo passo al retargeting pubblicitario per principianti. Cosa potrebbe esserci di meglio di un cliente che conosce già la tua azienda e ha familiarità con i tuoi prodotti? La tecnica del retargeting aiuta a tracciare gli utenti che hanno già visitato il tuo sito, ma non hanno effettuato un acquisto.

Ti senti mai come se fossi seguito dai siti web che hai visitato o su cui hai acquistato? Il tuo istinto ha ragione. Ma sappi che questa non è una strana coincidenza, è il retargeting! I brand ti seguono su Internet.

Dopo che hai visitato il loro sito, ti sei interessato a un marchio o a qualcosa da comprare e non hai completato l’azione desiderata (in genere acquisto per e-commerce e invio di moduli per B2B), loro ti verranno a cercare!

Continua a leggere per saperne di più sulla pubblicità di retargeting e su come utilizzarla per generare lead caldi e mettere in piedi un sistema di marketing efficace, soprattutto durante la pandemia. 

Prima di iniziare con la guida, se il tuo obiettivo è:

  • acquisire clienti e contatti online per la tua azienda in modo ricorrente
  • avviare il tuo business online e lasciare il posto fisso
  • diversificare le tue fonti di reddito
  • aumentare follower e like del tuo profilo
  • utilizzare la pubblicità sui social network per diventare influencer

Ti suggerisco di utilizzare il servizio di creazione e gestione inserzioni Facebook di Instasamy. È un’agenzia di Milano (che lavora in tutta Italia), seria ed affidabile, con la quale potrai parlare anche al telefono o su WhatsApp.

Insieme ai social media manager dell’agenzia realizzerai campagne pubblicitarie su Facebook ottimizzate per i tuoi obiettivi, nel più breve tempo possibile. Il servizio lo trovi su questa pagina: ti basterà compilare il modulo con i tuoi dati per ricevere un preventivo gratuito, sulla base delle tue esigenze.

Cos’è il retargeting?

Secondo le statistiche, circa il 70% degli utenti lascia i siti internet senza acquistare nulla. Lo scopo del retargeting è quello di ricordare al cliente, attraverso la pubblicità, il prodotto a cui si è interessato. Tale pubblicità è efficace poiché si rivolge a clienti in target (“caldi”). Inoltre, è più economico rintracciare un utente interessato ai prodotti che promuovi che attirare nuovi clienti.

Dal punto di vista tecnico, il retargeting è una tecnologia basata sui cookie che consente ai tuoi annunci di “seguire” i visitatori del tuo sito web. Fa parte della pubblicità online, ma a differenza del banner pubblicitario, il retargeting è rivolto solo a un pubblico che ha già visitato il sito e conosce il tuo marchio.

In questo modo, un inserzionista può essere sicuro che il budget pubblicitario viene speso solo per gli utenti interessati. In pratica dedichi un budget ai cosiddetti clienti in target.

Retargeting vs Remarketing

Il retargeting e il remarketing sono due elementi importanti di una strategia di marketing che aiutano a raggiungere le persone che hanno dimostrato interesse per il tuo marchio, prodotto o servizio. La differenza tra retargeting e remarketing sta nel modo in cui strumenti e strategie online vengono utilizzati.

Il retargeting utilizza la tecnologia dei cookie per raccogliere informazioni sulle visite online e posizionare annunci pubblicitari ai potenziali clienti. Il remarketing funziona raccogliendo gli indirizzi e-mail degli utenti e inviando e-mail personalizzate agli utenti in base alla loro attività online. Ad esempio, è normale inviare un’email di remarketing per ricordare ai visitatori possessori di una carta sconto del negozio visitato, eventuali sconti sui prodotti.

Sia il retargeting che il remarketing possono essere utilizzati con successo per tecniche di vendita come il down-selling (offrendo uno sconto per promuovere la decisione di acquisto), l’up-selling (offrendo accessori aggiuntivi o articoli corrispondenti ai clienti che hanno appena effettuato un acquisto) e cross-selling (offrire un prodotto o un servizio al cliente potrebbe essere interessato in vista dell’acquisto effettuato).

Mentre il retargeting viene gestito in modo efficace utilizzando Google Ads e Facebook Ads, il remarketing viene automatizzato con successo utilizzando il software di automazione della posta elettronica.

Tipi di retargeting

I tipi più comuni di retargeting sono:

  • Retargeting dopo aver visitato il sito. Viene utilizzato quando gli utenti visitano il tuo sito. Un cookie verrà salvato sul loro computer. Il compito è monitorare l’attività degli utenti e mostrare i banner sui siti che visitano. Questo è il tipo di retargeting più utilizzato e più popolare.
  • Retargeting di ricerca. È fantastico migliorare le proprie tecniche SEO e godere del miglior posizionamento su SERP. Tuttavia, se ti manca il tempo per imparare una materia così vasta, il retargeting della ricerca può aiutarti. Funziona tramite le parole chiave di ricerca che attivi. Non appena l’utente inserisce queste parole nella barra di ricerca del browser, vedrà i tuoi banner di retargeting, indipendentemente dal fatto che abbia visitato o meno il tuo sito.
  • Retargeting sociale. Si tratta, infatti, di “retargeting” delle persone di riferimento, che hanno mostrato interesse per il prodotto sotto forma di “like”, “retweet” e altre azioni social. Ora la migliore piattaforma per questo tipo di retargeting è Facebook .
  • Retargeting comportamentale. È simile al retargeting di ricerca in quanto non vi è alcun contatto preliminare con il pubblico attraverso il sito. Gli esperti di marketing determinano il pubblico di destinazione attraverso il loro comportamento precedente degli utenti: reazioni nei social network, ricerche e visite ai siti.
  • Retargeting dinamico. La differenza tra questo e altri tipi è che gli annunci sono personalizzati per ogni visitatore specifico.

I vantaggi dell’utilizzo del retargeting

Il retargeting è un ottimo modo per migliorare la tua strategia di marketing e riportare gli utenti sul tuo sito e quindi aumentare le tue entrate. I principali motivi per utilizzare il retargeting sono:

  • La possibilità di creare elenchi per il remarketing mirati.
  • Ampia copertura del pubblico di siti e sulle applicazioni mobili, dove è possibile mostrare annunci (fino a 2 milioni di persone).
  • Prezzi favorevoli grazie alla possibilità di configurare le offerte automatiche nelle aste per accaparrarsi le keywords con cui si può essere trovati. Tra i migliori servizi abbiamo Google Ads.
  • Facilità di creazione di annunci utilizzando i modelli.
  • Semplice mantenimento delle statistiche sull’efficacia delle campagne pubblicitarie sui report delle piattaforme pubblicitarie.

Con l’aiuto del retargeting, puoi creare le seguenti attività e azioni:

  1. Ispirare l’acquisto: il retargeting è un modo per suscitare fiducia nella qualità di un marchio e spingere gli utenti all’azione;
  2. Stimolare le vendite: se alcuni prodotti o servizi correlati non sono stati ordinati immediatamente, la loro offerta ripetuta (soprattutto con uno sconto) potrebbe concludersi con un acquisto; ti dice qualcosa Amazon quando ti avvisa che: “assieme a questo prodotto, gli utenti hanno anche acquistato quest’altro”?
  3. Mantieni la fedeltà del cliente: far ricordare il tuo negozio o i tuoi servizi e la tua persona, rafforzando il tutto con qualche offerta speciale, aumenta le possibilità di vendite ripetute;
  4. Promuovere la consapevolezza del marchio: molti acquirenti diffidano di prodotti e aziende sconosciute. Impressioni periodiche su altre risorse possono contribuire alla memorizzazione graduale e ad una maggiore fiducia;
  5. Impegnarsi nel ciclo di acquisto: con l’aiuto di una serie ben organizzata di annunci di retargeting e con una segmentazione competente, è possibile suscitare gradualmente interesse per l’oggetto pubblicizzato.

Come misurare l’efficacia del retargeting?

Puoi utilizzare due indicatori per misurare il coinvolgimento degli utenti:

  • conversione click-through (CTC): una metrica che mostra quanti clic sull’annuncio hanno generato l’azione desiderata,
  • conversione per visualizzazioni (VTC): una metrica che mostra quanti utenti hanno convertito dopo aver visto l’annuncio anche se non hanno fatto clic su di esso.

Per vedere come la pubblicità di retargeting aiuta ad avvicinare i clienti alla tua attività, è necessario valutarla utilizzando un modello di attribuzione dei lead scelto. Leggi il paragrafo sotto per capire cos’è.

Cos’è l’attribuzione dei lead

Fondamentalmente, l’attribuzione del lead significa che attribuisci il tuo lead o cliente a un particolare canale o evento di marketing (ad esempio, una campagna di marketing, una conferenza, il coinvolgimento del team di vendita, ecc.).

In questo modo, puoi calcolare il tuo ROI (ritorno di investimento) e fare ulteriori investimenti per decidere altre azioni di marketing. Altri vantaggi della misurazione dell’attribuzione del lead includono:

  • La capacità di ottimizzare gli sforzi di marketing (che è un tema caldo per il marketing in tempi di Coronavirus);
  • Approfondimenti sul percorso del cliente che consentono di progettare campagne efficaci di accrescimento dei lead;
  • La capacità di valutare quale canale o strategia porta i lead più qualificati e ottimizzare di conseguenza l’ulteriore lavoro con i lead provenienti da questa fonte;
  • Fatti e cifre che consentono agli operatori di marketing di creare e giustificare un budget di marketing.

Tuttavia, come è stato notato, un’azienda acquisisce raramente un lead o un cliente solo tramite un punto di contatto con un marchio. Ciò rende l’attribuzione dei lead un compito davvero impegnativo, anche per gli esperti. Per affrontarlo, vengono utilizzati modelli di attribuzione dei lead .

Annunci di retargeting di Facebook

La piattaforma pubblicitaria di Facebook è robusta e ti consente di inserire annunci non solo su Facebook, ma anche su Instagram. Puoi indirizzare nuovi segmenti di pubblico, i tuoi segmenti di pubblico personalizzati e persino creare segmenti di pubblico simili mentre guidi verso una varietà di obiettivi pubblicitari.

Gli utenti dei social media sono già più coinvolti, rendendo Facebook maturo per le campagne di retargeting.

Ecco i passaggi per creare un annuncio di retargeting come questo su Facebook:

  1. Raccogli i dati dal pixel specifico della piattaforma sul tuo sito web o crea un elenco utilizzando i tuoi contatti esistenti.
  2. Aggiungi l’elenco in Audience Manager di Facebook.
  3. Determina dove vuoi inviare il traffico (il tuo URL di destinazione).
  4. Segmenta i tuoi annunci per segmenti di pubblico specifici.
  5. Imposta il tuo budget.
  6. Crea il tuo annuncio.
  7. Tieni traccia dei progressi della tua campagna.

1. Raccogli i dati dal pixel specifico della piattaforma sul tuo sito web o crea un elenco utilizzando i tuoi contatti esistenti

Decidi se vuoi effettuare il retargeting in base al comportamento del sito web o se hai un segmento di contatti che desideri scegliere come target. Se hai intenzione di segmentare, ti consigliamo di compilare un elenco in base a questi due criteri:

  • la loro fase del ciclo di vita;
  • ciò su cui ritieni i loro interessi siano basati, sul comportamento quando visitano il sito, sull’interazione con l’email marketing e su qualsiasi altro dato in tuo possesso.

pixel facebook

2. Aggiungi l’elenco in Audience Manager di Facebook

Se stai caricando un elenco dal tuo CRM (strategia che le aziende utilizzano per gestire le interazioni con clienti e potenziali clienti, può essere un software che analizza ma anche il back-office aziendale che tratta con i clienti), importalo direttamente nel Customer audience manager di Facebook.

pubblico personalizzato facebook

Facebook quindi prende queste e-mail e ti consente di indirizzare direttamente quell’elenco o di abbinarle ad altri profili Facebook simili per creare un pubblico simile. Puoi anche impostare interessi demografici, geografici e di altro tipo per un annuncio in Gestione segmenti di pubblico anche senza un elenco di retargeting. Ora avrai il tuo pubblico di retargeting chiaramente definito.

3. Stabilisci dove desideri inviare il traffico (il tuo URL di destinazione)

Dopo aver selezionato l’obiettivo che desideri che il tuo annuncio raggiunga, devi selezionare dove desideri inviare il traffico degli annunci. Ti consigliamo di creare una pagina di destinazione (landing page) che indirizzi a un invito all’azione specifico che desideri venga completato dal visitatore.

destinazione pubblicità facebook

Sperimenta se, avere o meno l’intestazione e il piè di pagina del tuo sito sulla pagina di destinazione, aumenta o diminuisce i tassi di conversione. Potresti per esempio dedicare una pagina a un form da compilare.

4. Segmenta i tuoi annunci per segmenti di pubblico specifici

È qui che inserirai effettivamente il tuo pubblico personalizzato. Quindi, aggiungerai qualsiasi specifica come la località, età, sesso o lingua che desideri aggiungere oltre all’elenco caricato.

tipi campagne facebook localizzazione

5. Imposta il tuo budget

Dovresti effettivamente impostare il budget a livello di campagna, in modo che possa ottimizzare su più set di annunci. Facebook lo renderà necessario molto presto, sempre che non l’abbia già implementato in questi giorni, quindi è consigliabile impostare il budget a livello di campagna da qui in avanti.

budget pubblicità

6. Crea il tuo annuncio

Puoi avere fino a sei varianti creative per ogni annuncio, quindi Facebook è in grado di testare quali hanno il rendimento migliore per il tuo obiettivo. Il titolo sotto l’immagine può essere lungo solo 25 caratteri e il testo sopra l’immagine è limitato a 90 caratteri. Dopo aver creato la copia, puoi selezionare quale sarà il tuo invito all’azione (CTA o call to action).

inserzione facebook

7. Tieni traccia dei progressi della tua campagna

Ecco qua! La tua prima campagna di remarketing su Facebook è attiva e funzionante. Ora devi seguirla con attenzione. Il modo più semplice è utilizzare i rapporti nativi di Facebook, ma per ottenere le metriche del sito Web una volta che qualcuno fa effettivamente clic sul tuo annuncio, dovresti utilizzare Google Analytics o uno strumento software diverso come HubSpot.

Facebook ti fornirà metriche importanti come impressioni, copertura, coinvolgimento, CTR, CPC e spesa totale, ma Google Analytics o HubSpot ti forniranno la frequenza di rimbalzo, il tempo trascorso sul sito, le pagine visitate, ecc.

Dopo che qualcuno ha fatto clic sull’annuncio. Puoi eseguire campagne di remarketing piattaforme come Google Ads per pubblicare annunci display su Internet e persino nelle app mobili .

Grazie ai suoi strumenti di targeting avanzati e prodotti pubblicitari, per le promozioni sui social media, Facebook tende a offrire agli inserzionisti di e-commerce il miglior ROI .

Quando fare retargeting?

Il retargeting è una parte efficace della tua strategia di marketing che aiuta non solo ad aumentare le tue entrate, ma anche a ridurre i costi della promozione.

Mentre i principianti potrebbero avere difficoltà a pianificare e impostare una campagna di retargeting, è importante farlo nelle prime fasi del processo di marketing.

Il retargeting ti consentirà di guidare efficacemente i potenziali clienti lungo il funnel di vendita piuttosto che sprecare il budget pubblicitario per indirizzare ripetutamente utenti non coinvolti, che è un errore comune che i marketer fai-da-te tendono a fare.

La pubblicazione di annunci può essere un processo difficile e dispendioso in termini di tempo, ma a seconda della tua attività e di dove ti trovi nella canalizzazione, il retargeting degli annunci può essere un processo di successo se fatto bene.

Ci sono molti fattori importanti da considerare con gli annunci di retargeting come la consapevolezza e la conversione. Dovrebbe esserci sempre un obiettivo finale in ciò che stai cercando di ottenere.

Se invece vuoi delegare a dei professionisti l’intera creazione e gestione delle tue campagne pubblicitarie su Instagram, non ti resta che affidarti ad Instasamy. Il servizio lo trovi su questa pagina: ti basterà compilare il modulo con i tuoi dati per ricevere un preventivo gratuito, sulla base delle tue esigenze.

I Social A Portata Di Click
I Social A Portata Di Click

Il blog ideale per chi vuole trovare clienti online e diventare un professionista del social media marketing