I Social A Portata Di Click

Pubblicità su Youtube: Guida Completa Per Promuove il Tuo Canale

Farsi pubblicità su YouTube è un metodo senz’altro eccellente per diventare popolari e incrementare il proprio business nel giro di poche settimane.

Nel nostro articolo intitolato YouTube Ads, che ti suggeriamo caldamente di leggere, abbiamo visto le diverse tipologie di Ads che possono essere realizzate sulla nota piattaforma e come sceglierle con criterio.

Non solo: abbiamo svelato anche qualche prezioso Tips and Tricks per agire al meglio e farsi conoscere in maniera rapida e diretta.

Con la guida di oggi vogliamo invece andare a capire tutto ciò che ruota intorno alle pubblicità su YouTube a 360 gradi.

Dunque non perdiamoci in chiacchiere e iniziamo subito a scoprire insieme come e perché farsi pubblicità su YouTube è una strategia realmente efficace.

Qualche numero riguardo YouTube

Tranquillo, non parleremo di equazioni o complesse formule matematiche.

Vogliamo solo intavolare il discorso in modo tale da renderti perfettamente cosciente della portata della piattaforma e delle sue enormi potenzialità.

Mai sottovalutare il potere mediatico di YouTube: vediamo perché.

Tanto per cominciare, devi sapere che nel 2019 il CEO della Società, Susan Wojcicki, ha dichiarato che la piattaforma di YouTube possiede oltre 2 miliardi di utenti attivi  ogni mese e che tale numero è aumentato del 5% rispetto all’anno precedente.

pubblicità su youtube come iniziare

Facciamoci due calcoli: stando a recenti statistiche, il numero complessivo di utenti di Internet sulla Terra è stimato essere intorno ai 4,4 miliardi.

Se la matematica non è un’opinione, gli iscritti a YouTube coprono ben il 45% di tutte le persone online al mondo!

Se ci pensi, è davvero un’enormità.

È utilizzato da categorie di persone, età e generi di ogni tipo. Non solo: la pubblicità su YouTube hanno un tasso di attenzione del 63% (una percentuale davvero elevata, considerando che quella televisiva si aggira attorno il 45%).

Le entrate pubblicitarie in USA di YouTube sono valutate circa 4 miliardi di dollari e il valore stimato dell’intera piattaforma è intorno i 150 miliardi di dollari.

Insomma, vale davvero la pena investire in un canale di vendita così potente e tanto efficace.

Pubblicità su YouTube: come funziona

Innanzitutto devi avere bene a mente cosa puoi fare con YouTube, così da sfruttare al meglio i tools disponibili e predisporre una strategia di Advertising di successo.

Nel complesso, considerando i classici Ads più tutte le altre forme di spot presenti su YouTube, possiamo dire che gli annunci si classificano in sei categorie differenti.

Prima di agire e puntare tutto su uno di questi canali, quindi, è importante conoscere bene pro e contro per poter individuare quello che meglio si addice al tuo business.

Vediamoli insieme uno per uno.

La prima tipologia sono gli Annunci Display, veri e propri banner pubblicitari all’interno di box.

pubblicità su youtube annunci display

Sono generalmente foto o immagini in movimento che, se cliccati, possono rimandare al tuo sito web o ad altro collegamento da te scelto. Sono in genere collocati al di sopra della lista dei video di competenza, sulla destra.

Il formato può essere di quattro tipi:

  • GIF
  • PNG
  • JPG
  • HTML 5

L’animazione può durare fino a mezzo minuto e il file non può superare i 150 KB. Attenzione, perché questo tipo di spot sono visualizzabili esclusivamente da Desktop e se l’utente mette la modalità schermo intero, ecco che l’annuncio non è più visibile.

Gli Annunci Display non sono visionabili da dispositivi mobili.

La seconda tipologia di annuncio su YouTube è l’annuncio in Overlay.

Si tratta di un banner molto discreto che compare nella parte inferiore del video. Può essere facilmente cliccato per portare l’utente al tuo sito web o ad altro URL e potrai caricare un file di massimo 150 KB in formato:

  • GIF
  • JPG
  • PNG

Sono spot molto basici e poco complessi, ma decisamente efficaci.

L’attenzione dell’utente è facilmente catturata con questo tipo di annunci e soprattutto la loro presenza non risulta per nulla fastidiosa.

pubblicità su youtube come funziona

La terza tipologia di pubblicità su YouTube è la scheda sponsorizzataSi tratta di uno spot che viene collocato all’interno del video che sta guardando lo spettatore sotto forma di pop-up.

Contiene un annuncio visibile solo per qualche secondo e che invita l’utente a cliccare in alto a destra, ove è localizzato lo spot, per scoprire di più in merito all’inserzionista.

Sono visionabili sia da PC che da smartphone e i file possono essere di quattro tipologie:

  • GIF
  • JPG
  • PNG
  • GIF

La dimensione limite è di 5 Mega.

Passiamo adesso alle rimanenti tre categorie di pubblicità su YouTube, di cui hai già avuto una buona infarinatura se hai letto il nostro articolo dedicato alle YouTube Ads (qui trovi l’articolo completo).

Se non l’hai ancora visto, corri a recuperarlo!

Stiamo parlando degli annunci skippabili, non skippabili e i Bumper.

fare pubblicità su youtube

Gli Ads skippabili sono ignorabili, in quanto l’utente può cliccare sul tasto Skip This Ad per interromperne la visualizzazione e continuare, iniziare o terminare la riproduzione del video che stavano guardando.

La durata totale del video può essere dai 12 secondi ai 6 minuti al massimo, ma come abbiamo accennato l’utente può skipparlo dopo appena cinque secondi.

L’aspetto fondamentale di questa tipologia di annuncio è che diventa efficace solo e soltanto se il messaggio è rapido, immediato e diretto.

In caso contrario, infatti, raggiungere il tuo target diventa davvero molto difficile, perché è più probabile che l’utente salti l’annuncio se non ne è immediatamente attratto.

Puoi creare uno spot in formato mp4 da 1080 p o anche 720 p.Ti sconsigliamo però di sponsorizzare un video di qualità inferiore: sarebbe uno spreco di denaro!

Un pro da tenere in considerazione riguardo i Bumper, è che si tratta di spot visibili su qualsiasi schermo: PC, cellulare, TV e addirittura sulle console.

Non lasciarti ingannare dal fatto che l’annuncio è skippabile: se devi comunicare poco, è sufficiente!

Passiamo poi agli annunci non skippabili.

Sono le più classiche forme di pubblicità, simili a quelle televisive.

L’utente ha scelto il video, ma con gli annunci di questo tipo deve attendere che termini la riproduzione dello spot per poterlo visionare.

Proprio come nel caso precedente, anche questa tipologia di annunci può comparire prima, durante oppure al termine del video che l’utente ha selezionato e sono visibili da qualsiasi dispositivo.

La differenza principale, in questo caso, sta nella durata dello spot.

Mentre prima potevano essere anche video piuttosto lunghi, in questo caso l’annuncio non può durare oltre i 15-20 secondi.

pubblicità su video youtube

Ne deriva che, in generale, il messaggio può essere più elaborato e non occorre fretta di catturare l’attenzione entro i primi 5 secondi (è importante essere comunque diretti ed esaustivi).

Potrai godere dell’attenzione dello spettatore, che attenderà di visionare il video scelto e che potrà essere così coinvolto dalla tua pubblicità a compiere un’azione (CTA).

Ricorda solo di non esagerare: certo, venti secondi non sono per nulla pochi, ma dilungarsi troppo può essere un danno.

Ultimi ma non certo per importanza, ci sono gli Annunci Bumper, ovvero video non skippabili ma di durata inferiore rispetto ai precedenti.

Si tratta di spot che non superano i sei secondi e sono visionabili sia da PC che da smartphone.

come mettere pubblicità su youtube

In questo caso, le dimensioni possono essere al massimo di un giga e potrai caricare un file di tipo:

  • MPEG
  • MP4
  • ASF
  • AVI
  • Quicktime

E qui ci casca l’asino: spesso molti evitano questo tipo di annunci perché, oltre ad essere ignorabili, sono anche brevissimi!

Eppure, pensa che uno studio di Google ha recentemente dimostrato che su circa 500 campagne pubblicitarie che hanno fatto uso dei Bumper, oltre il 60% ha rilevato un aumento considerevole della popolarità dell’azienda.

Incredibile ma vero: non sottovalutarli.

Come lanciare la tua campagna pubblicitaria su Youtube

Abbiamo appena avuto modo di vedere i tipi di pubblicità che offre la piattaforma.

Si tratta di tools differenti e più o meno efficaci a seconda di chi sei, quale obiettivi hai, quale è il tuo target di riferimento, il tuo prodotto, e così via.

Ora, però, non ti resta che lanciare la tua Advertising Campaign.

Sembra tutto molto semplice, ma fai attenzione perché l’inganno è dietro l’angolo: è Google a mettersi in mezzo ora!

Lo farà però a tuo vantaggio: Google Ads ti consente infatti di predisporre la tua campagna pubblicitaria optando per sei tipi di strade differenti.

pubblicità su youtube google ads

Vediamole una per una.

  • Campagna customizzabile: si tratta della più diffusa, perfetta per generare lo spot prima, durante e alla fine del video. Potrai scegliere tra annunci skippabili, Discovery e Bumper.
  • In-stream non skippabile: si tratta delle categorie di annunci non ignorabili che abbiamo visto appena qualche riga fa.
  • Oustream, ovvero annunci che riguardano piattaforme anche diverse da YouTube e che hanno sempre il formato video.
  • True View For Action, note anche come campagne generatrici di conversioni: si tratta di pubblicità con specifiche Call To Action con overlay e una schermata finale al termine del video per invogliare l’utente a cliccarvi sopra.
  • Galleria di annunci: una sorta di spot in sequenza ove potrai raccontarti in una serie di video combinati a tuo piacimento.
  • True View For Shopping, note anche più semplicemente come campagne di Shopping: si tratta di spot con l’obiettivo di presentare agli utenti in maniera chiara e diretta i tuoi prodotti e dirigerli direttamente verso l’acquisto.

Adesso che hai ben chiaro cosa puoi fare e come puoi farlo, ti starai probabilmente chiedendo quanto costa farlo.

Nessun mistero, vediamolo insieme nel prossimo paragrafo.

YouTube: quanto costa fare pubblicità sulla piattaforma

In questo caso, dobbiamo spezzare una lancia a favore di YouTube, dal momento che non sempre dovrai pagare per la tua pubblicità.

In che senso?

Semplice: paghi solo e soltanto se la pubblicità è efficace, vale a dire se l’utente visiona il tuo spot per almeno mezzo minuto o se fa click sul tuo annuncio.

Una notizia eccezionale visto che spesso, quando si parla di spazi pubblicitari, si paga per nulla!

In generale, sappi che un annuncio YouTube possiede un costo medio per visualizzazione (Cost Per View) che va dai 10 ai 30 centesimi di euro.

Tuttavia, prendi con le pinze questo valore indicativo.

pubblicità su youtube prezzo

Come detto più volte, infatti, il costo del tuo spot dipende dal molteplici fattori:

  • Competitività del tuo settore.
  • Tipo di campagna pubblicitaria.
  • Target di riferimento.
  • Budget di Spesa.
  • Qualità del tuo contenuto.

Insomma, il costo è relativo, ma potrai comunque impostare un limite massimo di spesa, per essere certo di non andare fuori budget.

Cerca di investire del tempo per creare un annuncio di valore, analizza la migliore tipologia di Ads e poi buttati nella tua campagna pubblicitaria!

Se però sei ancora alle prime armi o desideri creare uno spot fin da subito estremamente efficace, non terminare qui la lettura di questa guida. 

Pubblicità su Youtube: consigli utili.

Fai attenzione alla qualità del tuo annuncio

Un annuncio privo di parole chiave, di scarsa qualità visiva o dall’audio sgradevole è un autentico spreco di denaro. Non solo avrai un danno economico, ma anche di immagine!

Ecco perché è fondamentale creare uno spot coinvolgente, interessante, completo e bello da vedere.

Sfrutta bene le keywords migliori sia nel video che nel titolo e nella descrizione, stando molto attento a mantenerti coerente e per nulla noioso.

Punta tanto sull’alta risoluzione dei tuoi contenuti, perché vedere uno spot esteticamente e sonoramente piacevole fa davvero la differenza.

Cerca di svegliare l’utente, attivarlo e incuriosirlo il più possibile, sfruttando al meglio le tecniche di call to action.

Definisci il tuo Target

Altro aspetto fondamentale è quello di selezionare bene il tuo pubblico.

Studialo e analizzalo in maniera approfondita, definendo un vero e proprio identikit dell’utente medio realmente interessato a te.

Per quale motivo questo passaggio è tanto utile? Semplicissimo: perché così saprai a chi rivolgerti.

Il tuo cliente medio è giovane o anziano? Quali sono le sue passioni e perché ti cerca? A quale genere appartiene e quale è il suo budget di spesa?

Insomma, conosci il tuo pubblico e saprai dove andare.

Sfrutta la pubblicità gratuita su YouTube

In ultimo, desideriamo lasciarti con quattro tips per farti pubblicità su YouTube senza spendere un euro.

  • Crea contenuti su misura: soddisfa le richieste degli utenti e interagisci sempre con loro: saranno i tuoi iscritti a guidarti e a farti capire quali sono i contenuti che preferiscono vedere sul tuo canale. Ne ricavi più di quanto pensi: è il passaparola che spesso fa la differenza!
  • Sfrutta anche gli altri Social Network: fatti pubblicità da solo tramite le altre piattaforme come Instagram, Facebook o Twitter: molto utenti potranno conoscerti a partire da questi social per poi seguirti anche su YouTube.
  • Dai il benvenuto alle Collabs: collabora con altri colleghi Youtubers o altri brand come il tuo, così potrai raggiungere facilmente un numero maggiore di utenti che, se interessati alla persona con cui collabori, potrebbero iniziare a seguire anche te.
  • Invita il tuo pubblico a seguirti: non ti dimenticare mai di chiedere agli utenti di iscriversi al tuo canale e seguirti in ogni video che pubblichi. Non importa se crei contenuti di gameplay o se sei un brand: chiedere agli spettatori di seguirti è sempre un ottimo modo per interagire con loro.

Giunto a questo punto, sei pronto per partire con la tua Campagna Pubblicitaria su YouTube: inizia subito a sponsorizzare il tuo business!

I Social A Portata Di Click
I Social A Portata Di Click

Il blog ideale per chi vuole trovare clienti online e diventare un professionista del social media marketing